www.amicidelcuore.org

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Appuntamenti

Non ci sono eventi al momento.
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
Rassegna Stampa | 23_FeliceGimondi-2006

On Line

 19 visitatori online

23_FeliceGimondi-2006

E-mail Stampa PDF

Un esercito di chef, campioni di bontà

Torre Boldone: dal 1991 gli «Amici del cuore» cucinano per feste e manifestazioni sportive.
E in 15 anni hanno raccolto offerte per un miliardo di vecchie lire: tutti donati in beneficenza

 

Tratto Da:

"L'ECO DI BERGAMO"

Pubblicato Venerdì 7 Aprile 2006

a cura di Silvia Seminati

Una «potenza di fuoco» ai fornelli da 15 anni per sfornare quintali di pasta. Piatti e piatti che «sfamano» tantissima gente che vive nel bisogno e le associazioni che se ne occupano.
È la squadra, campionessa di bontà, degli «Amici del cuore» di Torre Boldone, che dal 1991 ha creato una potente rete di solidarietà senza confini, dal Brasile alla Bielorussia, dal Bangladesh al Madagascar, non dimenticando la realtà italiana, bergamasca e, quella ancora più prossima, di Torre Boldone.
Infatti, in 15 anni, grazie alla «Festa del cuore», la manifestazione organizzata ogni estate dall’associazione a Torre Boldone, gli «Amici del cuore» hanno raccolto un miliardo di vecchie lire, distribuito in ogni angolo del mondo tramite numerose associazioni, tra cui la «Paolo Belli», l’Admo, l’Hospice e la Caritas. Quando gli «Amici del cuore» organizzano la festa annuale, che si svolge alla fine di luglio, con loro si mobilita un piccolo esercito di un centinaio di volontari: c’è che si occupa del montaggio del capannone e della cucina, chi organizza il menu, chi presta i camion per trasportarei fornelli, le pentole, le posate e soprattutto i quintali di pasta che verranno poi serviti in bianco, al pomodoro, al ragù o con la pancetta.
È un’organizzazione da far invidia ai gruppi di catering più collaudati, che si avvale della preziosissima esperienza di Elvira Alberti e di Ninì Sigismondi, due cuoche che, dopo una vita lavorativa trascorsa nelle mense, prestano leprestano le loro braccia e la loro indispensabile esperienza per guidare una ventina di donne impegnate, durante la festa, ai fornelli. Il «capitano» di questo eccezionale esercito al servizio della solidarietà è Emilio Colombo, presidente e socio fondatore dell’associazione. Colombo lavora a Verona come responsabile della gestione servizi della Banca Popolare Verona-Novara ma, nei ritagli di tempo, trova le energie e la motivazione per guidare l’équipe degli «Amici del cuore». «Spesso, sopraffatto dalla stanchezza, vorrei che qualcun altro si facesse avanti per prendere le redini dei miei "Amici" – spiega con un sorriso –. Poi, però, pensando alle soddisfazioni di questi anni, al mio cuore gonfio di gioia per ogni obiettivo raggiunto e, ancora, al sorriso dei bambini che abbiamo aiutato, ritrovo le forze per andare avanti perché nulla può dare emozioni tanto forti e appaganti».
La missione degli «Amici del cuore» è iniziata nel ’91 con l’organizzazione della prima festa, grazie alla quale hanno aiutato una bambina di Treviglio colpita dal morbo di Leigh e costretta a vivere in un polmone d’acciaio. «Questa prima esperienza – spiega Colombo – ci è servita per capire davvero il senso del dono che ci ha motivato a fondare l’associazione con lo scopo di promuovere iniziative di carattere umanitario e di solidarietà per raccogliere fondi da destinare ai più bisognosi». La generosità degli «Amici del cuore», passati da 8 soci co-fondatori a 140 soci e tantissimi simpatizzanti, è quindi partita dalla cardiologia per sconfinare poi in qualsiasi altro ambito dove c’è bisogno d’aiuto, crescendo in modo esponenziale.
Il cuore è però rimasto sia nel nome, sia nel logo dell’associazione, ad indicare la loro generosità così «allargata» che non si riescono a quantificare le persone aiutate, anche perché a loro «non importa quanto si dà, ma quanto amore si mette nel dare» dice Colombo. E con un tam-tam inarrestabile, l’esercito degli «Amici del cuore» è arrivato anche alle porte di Felice Gimondi, che li ha chiamati per gestire sia il «Nutella party», sia soprattutto il «Pasta party» durante due manifestazione ciclistiche: da otto anni, infatti, alla Gran fondo internazionale Felice Gimondi e, da tre alla GimondiBike, il servizio catering è affidato alla macchina di generosità degli «Amici del cuore» che, nelle due manifestazioni, sfamano complessivamente circa 7.000 persone.
La collaborazione con Felice Gimondi è stata ufficializzata in questi giorni con la consegna di un maxiassegno da 50.000 euro, che totalizza i fondi raccolti negli ultimi 8 anni durante le due manifestazioni sportive. Cinquantamila euro di solidarietà, che simbolicamente il «G.M. Sport» di Bergamo, organizzatore della «Gran fondo internazionale Felice Gimondi» di Bergamo e della «GimondiBike» di Iseo, ha consegnato nella sede de «L’Eco di Bergamo», alla presenza del direttore Ettore Ongis, di Emilio Colombo e di Felice Gimondi. «La G.M. Sport – ha detto Colombo – per noi è una vera sicurezza. Oltre a pedalare, infatti, ha dimostrato grande sensibilità nell’accettare la nostra proposta di collaborazione. È inutile dire che questa opportunità fornisce un grande contributo alla nostra associazione».
I prossimi appuntamenti con gli «Amici del cuore» sono la camminata organizzata, per il 21 maggio, insieme all’oratorio di Torre Boldone in memoria dell’amico Gilberto Lanzani e, a luglio, l’ormai tradizionale «Festa del cuore». E come al solito migliaia di persone torneranno sotto il tendone della festa,
noleggiato a prezzi di favore perché, come racconta Colombo, «trattiamo il prezzo insieme agli altri che poi organizzano le loro manifestazioni sotto la struttura: l’Aspo, il comitato della Festa dell’Amicizia, il gruppo di Rifondazione comunista e anche la Lega Nord ci ha chiesto di partecipare alla "cordata"». Come dire, in questi giorni di politici ai ferri corti, a Torre Boldone c’è un «arco costituzionale» che non guarda alle divisioni, ma piuttosto all’aiuto reciproco. Ed è solo l’ultimo dei risultati che ci «cucinano» questi «Amici del cuore».

Associazione Amici del Cuore di Torre Boldone O.N.L.U.S.
Sede Legale: Via Gaito, nr. 5
24020 -Torre Boldone - Bergamo (ITALIA)
Tel. +39 035 341189
Codice Fiscale: 95055650162
Mail: info@amicidelcuore.org

Sito Amici del Cuore

You are here: Rassegna Stampa | 23_FeliceGimondi-2006